I personaggi: Said

foto-said.jpg

 

 

Said è il braccio armato del Primario, lo segue come un’ombra: scura e inseparabile.

 

“Nella legione straniera il tempo è il tuo peggior nemico, il tempo dilatato, l’infinita quiete prima della tempesta. È stato lì che ho preso quell’abitudine: click, clack… è il suono che fa il mio Zippo. Il suono che rimbomba nella mia testa e che mi dà pace.

Prima di arrivare a Roma ho combattuto guerre di cui non conoscerete mai l’esistenza.

Sono straniero da una vita, forse è per sfuggire a questo destino che mi sono sempre sforzato di imparare la lingua del posto in cui vivevo… Meglio di chi ci è nato.

Ho ucciso per molti padroni, prima di incontrare lui… Credevo che nessuno potesse avere più fame di me. Mi sbagliavo!”

Annunci

~ di cementoarmato su maggio 24, 2007.

6 Risposte to “I personaggi: Said”

  1. Sguardo penetrante ,pessimo carattere e pistola facile…molto pericoloso.

    Se senti alle spalle un clik clak…attento ,lo zippo potrebbe “suonare” per te.

  2. Ciao Andrea. Sembrerebbe che tu abbia inquadrato bene il personaggio…

  3. Certa gente non dovrebbe girare!

    Sono curioso di vedere che fine farà nel film…il bene trionferà come sempre oppure questa volta il male avrà la meglio??

  4. Già un tipo da non provocare…vero Diego…ma per tua fortuna in giro c’è , più di un “Davide .”

    Eh! caro Enrique l’eterno dilemma umano e come nella vita c’è solo un modo per sapere come finirà…aspettare e vedere.
    Chiaramente al cinema eh eh!

  5. Andrea, sai un sacco di cose sul film, vedo… Come mai?

  6. …la trama si infittisce…

    No scherzo ,sono un’amico di Luca e sono ,quando posso, sul set ci siamo anche conosciuti ; anzi colgo l’occasione per farti i complimenti per il sito semplice, pulito e molto d’atmosfera.

    Già che ci sono vorrei ringraziare “pubblicamnete” Marco Martani che mi da l’opportunità di stargli tra i piedi e tutta la truope ,gentilissima, alla quale ogni tanto “rompo” con le mie domnde.

    In Particolare : Maurizio Pastrovich che nei momenti di stanca o quando la tensione scema , parte,dal nulla, con le sue “storie” e credetemi è da lacrime agli occhi e bombola di ossigeno a tracolla .
    Fausto Brizzi che nelle sue sortite ha sempre una battuta pronta …e anche qui .
    Ed infine Allessandro Pascuzzo semplicenente : “‘n Grande” , anche , nel suo unico sguardo “lavorativo”.

    Bhe! Prima che questo post diventi un romanzo ,concludo dicendo che anche nella mia inesperienza penso di poter dire che sul set si respira davvero una bella atmosfera .

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: